PROGRAMMA SULLE ALI DEL RISORGIMENTO

9 Dicembre 2018 - ore 21.00

Scarica il programma



Sulle ali del Risorgimento:
Concerto con danze storiche

Dalla figura di Mariannina Coffa, quale punto di riferimento dei diritti alla manifestazione delle doti individuali e delle potenzialità espressive, nasce l’idea di costruire un futuro più sostenibile per tutti le giovani donne e i giovani uomini della nostra comunità. L’occasione per mobilitarci attivamente per puntare sull’istruzione come strumento per promuovere lo sviluppo sociale di tutti i suoi membri. È per questo che l’intero ricavato di questo evento sarà diretto a fornire ad alcuni di loro, giovani eccellenze disagiate distintesi nell’ambito scolastico, le opportunità per poter applicare le competenze e le capacità acquisite per diventare tutto ciò che desiderano, con dignità e rispetto.

Note sulla poetessa
Mariannina Coffa Caruso:
La donna, la poetessa, la donna del Risorgimento e la donna medianica.

Di tanto in tanto all'interno della mole dei grandi personaggi noti della terra siciliana, accade che qualcuno venga tralasciato. Il nostro viaggio alla ricerca di questi personaggi dimenticati sulla strada del tempo, ci ha portati a Ragusa. Lì, per la strade del centro storico dal prepotente Barocco, viveva nell'Ottocento una donna con una grande passione per la poesia: Mariannina Coffa.
Creduta pazza solo perché inseguiva il suo più grande sogno della poesia e dell’arte letteraria, l’enfant prodige dei salotti buoni della Sicilia Sud-Orientale sin da bambina recitava poesie e rime all'impronta, partendo da parole che le venivano assegnate dagli adulti. Coltivò, così, l'arte dei versi, che si tradurrà in età adulta nella passione per lo scrivere e nella causa dei più grandi dolori che pervasero tutta la sua vita.
Costretta a sposare un uomo che non amava e angariata dai lutti dei due suoi figli morti in tenera età, Mariannina riesce ad evadere da un mondo troppo duro solo grazie ai versi, con i quali esprimeva tutto lo strazio per la condizione della donna e della letterata, della madre addolorata e della moglie senza diritto d’anima!
Chiusa in una società gretta e misogina, le viene vietato pure lo scrivere: una donna che pensa, che vuole esprimere i propri sentimenti è inaccettabile nella società del suo tempo.
La gente comincia ad additarla come folle, mentre il marito le proibisce categoricamente di continuare a fare l'unica cosa che la fa stare bene, l'unica cosa che la fa sopravvivere: scrivere. Morirà giovane a 36 anni, disprezzata dalla famiglia e abbandonata da tutti.
Testimone oculare di un periodo fin troppo delicato per quanto riguarda il processo di unificazione del nostro paese, le sua vicenda ci dà uno spaccato socio-culturale di un secolo giunto quasi al suo termine, ma che ha visto la morte di diversi stati europei e la nascita di altri (Italia in primis).
Nonostante tutte le avversità, Mariannina difficilmente desistette dal non perseguire la sua indole di donna di cultura, affiancando alla produzione poetica numerose altre attività, il che facevano di lei uno dei personaggi più culturalmente ferventi di tutta Ragusa ma anche dell'intera Sicilia.


M. P. Musorgskij
Promenade da “Quadri di un’esposizione”
G. Verdi
Questa o quella per me pari sono (ballata del Duca) da “Rigoletto”
R. Strauss
Sul bel Danubio blu


J. Brahms
Sedici Walzer, Op. 39
P. I. Tchaikovsky
Valzer dal balletto “Il Lago dei Cigni”, Op. 20
N. A. Rimskij-Korsakov
Andantino dalla suite “Shéhérazade”, Op. 35


A. P. Borodin
Danze polovesiane da “Il Principe Igor”
P. I. Tchaikovsky
Danza degli zufoli da “Lo Schiaccianoci”
Ponchielli
La Danza delle ore da “La Gioconda”


C. Gounod
Valzer da “Faust”
J. Brahms
Danze Ungheresi
G. Verdi
Marcia trionfale da “Aida”


Il concerto si terrà presso la ex Chiesa di San Mattia ai Crociferi, via Torremuzza n.28.
Verrà eseguito dal gruppo Camerata Strumentale Sicilia,
Accompagnata dal corpo di ballo Harmonia Suave Compagnia Internazionale di Danza Storica.
Fluato traverso: Gabriele Vassallo
Violino: Flavia Mazzetti
Violoncello: Salvatore Clemente
Chitarra classica: Antonio Di Rosalia

ACQUISTA BIGLIETTI

Torna alla homepage